mercoledì, novembre 01, 2006

suv... l'incognita

il superebollo andra' pagato questa e' l'unica cosa certa, ma non si capisce su cosa.
prima doveva essere pagato a secondo del peso della vettura (2900 kg) a pieno carico,poi passo indietro (2600KG) poi, e poi,e poi epoi..........
ora sembra arrivata la risposta: superbollo per tutti o quasi, perche' non mi dite che un 2000 di cilindrata cioe' una audi a 3 e' una macchina di lusso e di grossa cilindrata.

27 Comments:

Anonymous mimmo cavadeitirreni said...

grande giulio..vedo che anche tu hai un blog..cmq si o megl'...anzi o rrvuot'...forza iene

mercoledì, novembre 01, 2006 11:28:00 PM

 
Anonymous Anonimo said...

non so più cosa pensare..............questa notte ho sognato VISCO su di un cavallo bianco......era un principe azzurro e mi portava via......TUTTO!!!!!!!!!!!!

venerdì, novembre 03, 2006 3:45:00 PM

 
Anonymous Anonimo said...

Ho appena visto il servizio su Scampia....Giulio sei un grande!!!!
...ho una vita relativamente semplice, un lavoro, nessun problema di soldi, una figlia e non so cosa vuol dire non poterla accontentare. Mi lamento perchè sono sola e non ho qualcuno che mi ami e che mi stia vicino.....ma quando ho visto quei ragazzi, Beppe con la bimba che aveva cambiato la sua vita....la gioia di condividere una pizza mi sono sentita una folle...porca miseria è così semplice sorridere a ciò che si ha senza perdere la vita a rincorrere ciò che si desidera. Giulio...si u'numr iun

martedì, novembre 07, 2006 11:08:00 PM

 
Blogger il pasquino said...

ciao,
grazie per i complimenti, ma il merito e' solo dei ragazzi io provo solo a trasferire l'emozioni che mi trasmettono

baci giulio

mercoledì, novembre 08, 2006 3:55:00 PM

 
Blogger skugnizzo said...

Ciao Giulio,
complimenti per il servizio su Scampia!
Ti ho mandato una mail riguardo il blocco che Ischia sta subendo..
non abbiamo piu pane fresco da Napoli, latte fresco, benzina, giornali, nei supermercati sta finendo tutto...
Grazie
Andrea

mercoledì, novembre 08, 2006 4:44:00 PM

 
Anonymous Francesca1992 said...

Giulio una marea di complimenti per il servizio su Scampia.
Come hai detto tu il merito è anche dei ragazzi che hai intervistato: sono di una profondità che lascia senza fiato, è vero, ma non sottovalutare quello che hai fatto perchè saperla cogliere non è da tutti...

Anche io ti ho recentemente mandato una e-mail, su Taranto :)
I miei amici stanno puntando un sacco di soldi sul fatto che tu non risponderai...miraccomando non gettarmi sul lastrico!

giovedì, novembre 09, 2006 12:00:00 AM

 
Anonymous Anonimo said...

Ho provato a scriverti un'email ma non ci riesco. Vorrei che tu prendessi nota di quanto sotto riportato:

Napoli
truffa/estorsione detto 'cavallo di ritorno'
i malviventi con una scusa generica simulano un tamponamento o la rottura di un vetro della tua auto, ti fanno scendere e all'atto della verifica del danno entrano nella vettura e se la portano.
In seguito ti richiamano a casa (prendendo i dati dalla carta di circolazione che sta dentro l'auto) e ti chiedono per la riconsegna del mezzo dai mille euro a salire.


Ovviamente per te sarà difficile fare un servizio dal vivo sul caso, ma simulazione con eventuali attori sarà possibile. In tal modo, così come più volte fatto da voi iene per altre truffe, darete una grande aiuto agli spettatori del vostro programma.
Tu che sei napoletano, come me, puoi sicuramente informarti anche in città in quanto è pratica abbastanza in uso ai più.

A te il seguito di questa segnalazione.
Francesco (un collega di Rosanna, la palermitana - se puoi avvisala in caso di servizio).

giovedì, novembre 09, 2006 5:53:00 PM

 
Anonymous Anonimo said...

sei veramente un fenomeno,arguto,astuto e superbo nel condurre le interviste.Vorrei sapere però come mai un servizio come quello di Scampia lo mandate in onda in fascia protetta?Cosa spieghiamo ai nostri figli che se uno è indigente "ruba"la corrente l'acqua e che se uno non ha una casa ne "occupa"una non sua.Premetto che sono rimasta veramente colpita da questi due giovani mi hanno toccato il cuore vedere questi bambini che gioivano per la pizza mi ha fatto riflettere e ringraziare il Signore per tutto ciò che ho...ma teniamo ben presente che comunque ci sono persone povere ma dignitosissime e onestissime che non spacciano e che prima di mettere al mondo dei bambini sono certe di non andare in galera.Non so se hai figli o meno ma prima cosa bisogna essere onesti ed educare ad essere onesti.Non è una critica nei tuoi confronti anzi è giusto che si sappia che l'Italia è anche questa ma chi fa i palinsesti dovrebbe pensare a questo cioè che alle 21.00 ci sono alzati dei ragazzini che non hanno ancora la capacità di elaborare gli imput passati dalla tv comunque sei bravissssssssimo

giovedì, novembre 09, 2006 7:11:00 PM

 
Anonymous Anonimo said...

sei veramente bravo hai una marcia in più rispetto alla banalità che c'è in giro.Il servizio su Scampia eccezionale ma non riesco a capire e so che non decidi tu il susseguirsi dei servizi come mai sia andato in onda in fascia protetta...cosa spieghiamo ai ragazzini che se vivi una situazione di disagio,sopravvivi "rubando" corrente, acqua e occupando case loro non possono capire le sfumature e la profondità del servizio capiscono solo che comunque possono sopravvivere e questo lo trovo sbagliato nei loro ed anche nei tuoi confronti un orario sbagliato fa perdere la profondità e la bellezza di quel servizio......continua così.....

giovedì, novembre 09, 2006 10:53:00 PM

 
Anonymous Andrea D'Ambra said...

Wow! Aggiornato il sito delle iene!!!
Complimenti: ci voleva! :-)
http://www.iene.mediaset.it

lunedì, novembre 13, 2006 7:40:00 PM

 
Anonymous Andrea D'Ambra said...

C'è fervore... sembra che domani (15 Novembre) possa esserci una risposta dalle Authority. Incrociamo le dita!!!!
Qui di seguito riporto la notizie di Help Consumatori che a sua volta riprende il lancio Ansa (che notate bene, ben si guarda dal dire come sono andate davvero le cose e come mai è partita l'indagine) e scrive testualmente: "L'indagine era stata avviata nel giugno scorso, dopo che le associazioni dei consumatori avevano evidenziato "l'incongruenza e l'onerosità della presenza di prezzi di ricarica sul prezzo delle carte pre-pagate". Le associazioni dei consumatori?!?!?!? "Ma mi faccia il piacere"avrebbe detto il grande Totò!
L'Ansa non si smentisce mai, già quando l'indagine fu aperta, lo scorso Giugno mise in mezzo le associazioni dei consumatori senza citare minimamente la petizione, unica vera causa dell'indagine da parte di Agcom ed Antitrust. Non contenta continua nella sua opera di disinformazione sulla vicenda ma ciò nonostante la gran parte dei cittadini italiani sa come sono andate realmente le cose (anche grazie a Consumi & Consumi, Mi Manda Raitre, Tg2 e Tg3) che hanno illustrato l'iniziativa egregiamente.
Attendiamo con ansia i risultati da parte delle Authority e speriamo che non sia il solito bluff all'Italiana.
Andrea D'Ambra
www.aboliamoli.eu
TLC. Chiusa indagine sui costi di ricarica. Domani approvazione definitiva di Agcom e Antitrust
14/11/2006 - 15:33
Domani l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato esamineranno i costi di ricarica delle schede telefoniche pre-pagate. Le due Authority si preparano, infatti, ad approvare l'indagine conoscitiva congiunta avviata nel giugno scorso, dopo il successo della petizione D'Ambra per l'abolizione dei costi di ricarica e le segnalazioni delle associazioni dei consumatori che avevano evidenziato l'incongruenza e l'onerosità della presenza di prezzi di ricarica sulle pre-pagate.
Fonte: http://www.helpconsumatori.it/news.php?id=10804



TLC: DOMANI COSTI RICARICA A ESAME AUTORITA' E ANTITRUST CHIUSA INDAGINE CONOSCITIVA, IN VISTA MISURE

ROMA

(ANSA) - ROMA, 14 nov - Costi di ricarica delle schede telefoniche pre-pagate sotto esame, domani, da parte dell' Autorità per le tlc e l'Antitrust. Le due authority si preparano infatti ad approvare l'indagine conoscitiva congiunta sulla questione, da cui potrebbero derivare a stretto giro misure che tengano conto delle proteste dei consumatori, come per esempio la richiesta di una rimodulazione dei prezzi. L'indagine era stata avviata nel giugno scorso, dopo che le associazioni dei consumatori avevano evidenziato "l'incongruenza e l'onerosità della presenza di prezzi di ricarica sul prezzo delle carte pre-pagate". Stando a quanto afferma l'Autorità per le tlc nella delibera di avvio dell' indagine, inoltre, "la presenza dei prezzi di ricarica sembra essere una caratteristica peculiare della realtà italiana", con costi che "incidono in misura non indifferente sul valore della spesa sostenuta dall'utente finale". Proprio per valutare fino a che punto i costi di ricarica siano necessari per gli operatori telefonici e per basare le proprie valutazioni su uno scenario oggettivo, l'indagine è andata a scavare nel dettaglio, approfondendo con banche, poste ed esercizi commerciali, ma anche allargando il proprio raggio d'azione negli altri Paesi europei. Ne è uscito, secondo quanto si apprende, un corposo volume di oltre cento pagine, sulla base del quale probabilmente la prossima settimana il Consiglio dell'Autorità per le tlc potrebbe prendere delle decisioni: se sembra improbabile, sempre secondo quanto si apprende, una radicale abolizione dei costi di ricarica, più plausibile appare l'ipotesi di un richiamo agli operatori per una rimodulazione dei prezzi. (ANSA).

martedì, novembre 14, 2006 9:13:00 PM

 
Anonymous mimmo cavadetirreni said...

grande giulio ho visto il tuo ultimo servizio sulle mollette anticamorra..non è facile fare servizi del genere anche perchè spesso su argomenti così delicati ci si imbatte nel silenzio e nell'ostracismo della gente....tu cmq per l'ennesima volta hai dimostrato di avere "le palle"..hai tutta la mia ammirazione..ciao

martedì, novembre 14, 2006 11:59:00 PM

 
Anonymous Andrea D'Ambra said...

16 Novembre 2006 - ORE 00.00 697.490 FIRME!!!!! Che giornata quell'appena trascorsa ragazzi! E oggi passiamo anche quota 700mila firme!
Tante sono le cose successe oggi: ci si aspettava la chiusura ufficiale dell'indagine congiunta Antitrust-Agcom e relativo comunicato ma sarà per oggi.

Cominciamo in ordine cronologico. C'è stata la Prima pagina sul quotidiano "La Repubblica" un articolo a cura del Dott. Fontanarosa che però, mi dispiace rilevare, non ha accennato minimamente alla petizione da cui è scaturito tutto. Lo scoop di Repubblica è stato causato da una "fuga di notizie" proveniente dall'Agcom che nemmeno a me ha dato tante informazioni di cui sono venuto a conoscenza soltanto leggendo Repubblica.

Molte radio hanno quindi parlato della conclusione dell'indagine e delle indiscrezioni che vorrebbero le Authority imporre l'abolizione dei costi di ricarica agli operatori (magari!).

Sono stato intervistato da "Area" un'agenzia di stampa locale e lo "scoop" di Repubblica ha fatto parlare della notizia anche i telegiornali!

Il TG2 è stato l'unico Telegiornale a comportarsi in modo corretto (e ringrazio per questo Il Giornalista Carlo Alberto Morosetti e tutta la redazione del Telegiornale), ripercorrendo le tappe dell'iniziativa ed arrivando ad oggi, mentre TG1 e TG3 (nonostante quest'ultimo già si fosse occupato dell'iniziativa in passato e conoscesse quindi la storia dell'iniziativa) non hanno fatto altro che rilanciare l'articolo di Repubblica, quasi come se (è quello che capisce l'ascoltatore/lettore che non conosce i fatti) le Authority fossero intervenute autonomamente e in modo spontaneo. Non è cosi', è stato necessario l'intervento di un singolo cittadino che è dovuto intervenire creando una petizione, scrivendo alle ass. dei consumatori (che inizialmente lo hanno ignorato) , alle Authority (che hanno fatto lo stesso) e alla Commissione europea (unica ad intervenire) ed è soltanto grazie a quest'ultima se le Authority si sono viste obbligate ad aprire un'indagine congiunta, dopo aver ricevuto una lettera dalla Commissione che andava in questa direzione.

Sono stato inoltre intervistato in serata da Radio 24, intervista che andrà in onda in mattinata.

Oggi quindi attendiamo la conclusione ufficiale dell'indagine e le notizie ufficiali (che spero confermino le indiscrezioni uscite su Repubblica) perché solo con l'abolizione dei costi di ricarica potremmo davvero ritenerci soddisfatti. Ricordo che il costo di ricarica esiste solo in Italia.

Mi dispiace dover notare assenza di interesse alla vicenda da parte di Mediaset che finora non ha ritenuto meritevole di interesse né attraverso le note trasmissioni in difesa dei consumatori (Striscia La Notizia, Le Iene) né attraverso i telegiornali (tutti i TG Rai ne hanno parlato ma da Mediaset invece tutto ha taciuto...)

Esce oggi in edicola su Vanity Fair un articolo sull'iniziativa. Spero di non aver dimenticato nulla...

Speriamo che oggi sia il nostro giorno fortunato!

Andrea D'Ambra - www.aboliamoli.eu

giovedì, novembre 16, 2006 12:59:00 PM

 
Anonymous Anonimo said...

so che ti occupi d cose molto più profonde ma nel quotidiano c'è che ho una figlia che fa la terza media viviamo in una grande città e ha il chiodo fisso di andare in discoteca sabato e domenica pomeriggio un vero incubo,ci sono ragazzini intraprendenti che durante la settimana fanno girare via msn inviti in queste discoteche dove possono accedere solamente ragazzi che non abbiano compiuto la maggiore età.Il dramma è che questi mini pr vengono pagati dai gestori delle baby dance che alla fine si rivelano un posto dove le bambine/ragazze fanno a gara a chi bacia più baby boy.E'chiaro che tutto ciò può solo farti sorridere perchè davanti a casi come Scampia e Camorra è veramente ridicolo.Hai ragione io ho vietato queste uscite cercando di interessarla in altre cose ma come è possibile come può esiste un bussiness del genere? certo non servono alcolici ma l'idea che ci sia gente che specula su una cosa del genere mi va inviperire
ti ho ben ammorbato con queste sciocchezze ma ti assicuro che il tutto scatena cose assurde
comunque sei veramente in gamba perchè ti fai passare per comico invece sei un grande giornalista,di altri tempi che vede il problema,lo approfondisce e lo divulga
continua così

sabato, novembre 18, 2006 10:20:00 PM

 
Anonymous Francesca92 said...

Il fatto che i PR siano pagati dalle disco non mi sembra proprio un "dramma", anzi secondo me è utile che si facciano un loro piccolo stipendio... quello delle discoteche non mi sembra un business poi tanto terrificante... tutto quello che lei descrive come "terribile" per me è perfettamente normale...non vedo niente di strano in un adolescente che voglia svagarsi in discoteca. Peraltro questi sono luoghi protetti dove non si somministrano alcolici (o almeno così dovrebbe essere), ed è un bene che esistano, altrimenti ci si riverserebbe in luoghi frequentati da ragazzi/e più grandi, e allora magari potrebbe sorgere qualche preoccupazione.

domenica, novembre 19, 2006 3:50:00 PM

 
Anonymous Giovanni (artax8@katamal.com) said...

Ciao Giulio, volevo scriverti in merito a una cosa "simpatica" che succede a LA SAPIENZA e renderla nota a te e ai blogger! In pratica a metà novembre ci sono stati alcuni test d'ingresso per accedere a delle lauree specialistiche (tra cui quella in EDITORIA E COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE). Ebbene siamo di fronte a uno dei pochi casi al mondo (forse l'unico) in cui i corsi per la preparazione degli esami iniziano...prima del test d'ingresso! Addirittura alcuni corsi già sono finiti! So che è assurdo...ma è così! Vale a dire: il test d'ingresso c'è stato il 14 novembre(i risultati non sono stati ancora divulgati) e ci sono dei corsi del I anno iniziati ad ottobre e già terminati...prima del test! Se non ci fosse da piangere ci sarebbe da ridere...

mercoledì, novembre 22, 2006 1:29:00 AM

 
Anonymous Anonimo said...

Ciao,sono una ragazza al sesto mese di gravidanza del mio primo bambino,date le mie condizioni avrei bisogno di stare tranquilla invece è da circa un mese che non faccio che agitarmi per motivi che ora vi spiego.Mio marito lavora di notte x meno di mille euro al mese,siamo in affitto e nonostante non sia facile per noi arrivare a fine mese con un solo stipendio,abbiamo sempre pagato multe,bollette e ogni tassa ci fosse da pagare per poter vivere tranquilli senza timore di vederci arrivare poi bollette stratosferiche.Abbiamo pagato in anticipo anche le tasse sui rifiuti nonostante qui in Campania sono mesi che non li raccolgono e spesso le strade sono impraticabili,ciò nonostante nell'ultimo mese sono arrivate proteste di multe e bolli auto già pagati uno dietro l'altro.Per trovare il primo tagliandino ci ho impiegato una ventina di giorni e cercarlo è stato stressante,neppure il tempo di riuscire a dimostrare che era già pagato che sono arrivati gli altri due,riferiti entrambi ad un bollo del 2004 da noi pagato ma rimasto nell'auto venduta in quello stesso anno al nuovo proprietario poichè ancora valido e necessario alla circolazione del veicolo.Purtroppo noi non sapevamo di doverne fare una copia,nè di doverne rispondere anche una volta in cui l'auto non fosse più in nostro possesso e il nuovo proprietario negligentemente non lo ha conservato,quindi ci troviamo nella condizione di non poter dimostrare di aver pagato quel bollo anche se lo abbiamo fatto,come con tutti gli altri.La legge non ammette ignoranze ma io non mi spiego allora perchè dobbiamo essere noi a dimostrare di aver pagato e non possano farlo quelli che si occupano del recupero tasse,se hanno un archivio in cui prendono tutte queste "carte personali"deve per forza risultare anche che sono state pagate,perchè altrimenti a loro che hanno tutto negli archivi è permesso perdere le ricevute di pagamento e a noi cittadini no?A che serve pagare tutto se poi bisogna ripagare le stesse cose con gli interessi?Io forse faccio discorsi infantili perchè alla fine si sà che hanno sempre ragione loro,che loro sono "la legge"e noi dobbiamo rispettarla ma essendo in buona fede mi chiedo perchè i politici coi loro stipendi milionari non pagano le tasse e sono intoccabili e noi invece poveracci dobbiamo pagare sempre e comunque anche cose che non ci spetterebbe pagare perchè abbiamo già pagato.Dovendo usufruire inoltre di molte analisi mediche avevo chiesto l'esenzione del ticket perchè io sono disoccupata e mio marito come già detto non arriva a mille euro al mese che con l'affitto e tutto il resto non basta mai a far tutto.Volevo sapere se è normale che con un reddito così basso mi sia stata negata anche l'esenzione dalle spese mediche...a dir loro anche se avessimo avuto un reddito di 10 euro al mese non avremmo diritto all'esenzione,ma l'hanno scorso che entrambi eravamo disoccupati,ci è stata comunque negata pur avendone pienamente diritto.Ora mi chiedo perchè quando siamo noi a dover avere dei soldi hanno sempre la scusa pronta per negarceli e quando invece sono gli altri" a volerli da noi dobbiamo sempre e comunque pagare senza diritto di replica.Tutto questo stress mi stà facendo davvero male,oggi ho avuto un forte dolore alla pancia e ho temuto un emoragia,questo mi ha spinto a scrivervi...se succedesse qualcosa al mio bambino nessuna cifra sarà mai sufficiente a colmare il mio dolore,di certo morirei assieme a lui...e chi pagherà poi x questo?Mio marito avrà poi diritto a qualcosa o resterà solo come un cane?Questo non è per le 200 euro che a mali estremi x una volta uno può anche buttare nel cesso rinunciando a fare la spesa x un mese intero,ma se una volta pagata questa continuano ad arrivarne?Io sono stanca di stare ogni giorno a mettere la scatola piena di carte x lo + incomprensibili a soqquadro x cercare tagliandini che sò di certo aver sempre pagato,stanca di guardare le vetrine dei negozi piene di cose carine senza poter comprar nulla nè x me,nè x miei cari e poi dover buttare così i miei soldi dietro a macchine che neanche abbiamo +!Se nn fosse indispensabile a mio marito x andare a lavorare l'avrei già fatta vendere!Come posso far valere il mio diritto di vivere in pace questo ke dovrebbe essere un momento meraviglioso della mia vita senza essere esposta a questo stress continuo e senza essere disturbata ogni mattina(dopo notti insonni)da postini maleducati che bussano insistentemente al portone e mi chiedono di firmare tagliandini come se stessero parlando a una delinquente?Pensare che io neanche ho la patente!Per favore ditemi che c'è qualcuno che protegge i nostri diritti,aiutatemi soprattutto a proteggere il mio bambino,ancora non è nato e davvero non merita già tutto questo stress.Scusate x la forma anonima della lettera ma noi siamo gente povera senza istruzione e non vogliamo pubblicità!Grazie,siete grandi!

mercoledì, novembre 22, 2006 1:46:00 AM

 
Anonymous Anonimo said...

Sono sempre io,scusate rileggendo la mia lettera mi son resa conto di aver fatto degli errori davvero osceni,addirittura "anno" con la "h" non sò come mi sia venuto,in 25 anni non mi era mai successo,non sono così ignorante,purtroppo lo stress fà anche questo!Un abbraccio,ciao!

mercoledì, novembre 22, 2006 1:58:00 AM

 
Anonymous Anonimo said...

Ciao Giulio,
Sono una ragazza francese di 29 anni. Sono ormai 5 anni che vivo in Italia e cerco di non perdermi Volevo farti i complimenti perché i tuoi servizi sono tutti molto interessanti e vari.
Che dici avranno veramente chiuso l'899 (servizio del 21/11 u.s.)???
Buon prosseguimento nelle ricerhe della verità e della giustizia...
Selyn

mercoledì, novembre 22, 2006 11:08:00 AM

 
Blogger Selyn said...

Scusami Giulio ma nel messaggio precedente volevo dire che cerco di non perdermi mai una puntata delle Iene...

mercoledì, novembre 22, 2006 11:11:00 AM

 
Anonymous Claudio Bartolo said...

Ciao Giulio sono un tuo compaesano e penso ke tu sia la iena migliore di tt(sempre dopo la conduttrice).
Mi dispiace molto ke martedi fate l'ultima puntata xke vi seguo sempre sia in tv che su internet!!
Ogni volta fai dei grandissimi servizi!!
Ciao Giulio alla prox stagione!!!
Sempre e forza Napoli!!!

mercoledì, novembre 22, 2006 2:22:00 PM

 
Anonymous Veronica said...

Complimenti per il tuo lavoro, siete coraggiosi (specialmente in certi servizi) e fate un servizio veramente pubblico, nonostante vi prendano spesso a parole (ma chissà perchè...). BRAVI! Continuate così nonostante le "censure" :D

Ciao Giulio ;)

mercoledì, novembre 22, 2006 4:52:00 PM

 
Blogger Samuele Scettri said...

Sono rimasto un po' perplesso del servizio sulla società che non è stata pagata da Craxi.
Noi lavoriamo con gli enti pubblici, le ASL per precisione, ed abbiamo sospesi (con tanto di ingiunzioni di pagamento) da incassare che in alcuni casi risalgono a 20 anni fa, e per importi che arrivano anche a cifre considerevoli, specie se si sommano tutti.
Non vedo che hanno da piangere quei pubblicitari, hanno già incassato quasi metà della somma ed hanno un'ingiunzione a favore. Suona un po' come marketta... se vuoi ti invito da me a fare una bella inchiesta come si deve sulla sanità...
Con massimo rispetto, D-Fens

mercoledì, novembre 22, 2006 5:23:00 PM

 
Anonymous MIchele said...

Vi segnalo questo post che critica le iene.
http://blogstation.splinder.com/post/10000166

giovedì, novembre 23, 2006 2:08:00 PM

 
Anonymous Francesca92 said...

Mah, a me sembra che questo abbia visto il programma mezza volta, da come ne parla.

Non sono d'accordo con ciò che dice, ma ognuno ha le sue opinioni!

giovedì, novembre 23, 2006 3:29:00 PM

 
Blogger marika said...

Ciao Giulio...in primis volevo farti i complimenti per la tua proessionalità... in sedundis ovviamente mi complimento con la mamma e la ringrazio...davvero un bell uomo...con tutto il cuore spero che ti sia single...sai sognare nn costa niente :-)))...un bacio Mari

giovedì, novembre 23, 2006 11:29:00 PM

 
Anonymous yahoo said...

ciao cazzimme sei grande viva la parmigiana ....e la donna tutta tana . cava dei tirreni baci

sabato, marzo 10, 2007 2:40:00 PM

 

Posta un commento

<< Home