martedì, febbraio 07, 2006

e' passata la legge

farsi uno spinello ora e' reato e quindi (tutti dendro)

43 Comments:

Anonymous Luca 86 said...

"Il post mi cade a fagiuolo" ... A quanto pare per fare delle indagini su un qualcosa di sospetto c'è bisogno ke la cosa vada prima in tv. Bene! Caro Giulio ti scrivo da Napoli... riguardo la questione cannabis, vorrei capire xkè a 20 metri di una "base" dove si spaccia erba o fumo, vi è la polizia o una qualsiasi forza dell'ordine pronta a controllare se hai addosso droga probabilmente appena comprata. Non capisco come sia possibile... Mi sorge dunque un dubbio... Sarà forse ke le forze dell'ordine siano già a conoscenza della presenza di una base nei paraggi? E cmq parliamoci kiaro... Com'è possibile ke fra le persone ke conosco quasi tutte e anke le meno improbabili saprebbero indicarmi dove comprarne mentre a quanto pare le nostre e sempre care forze dell'ordine sembrano non saperne mai nulla? Ps. Lo Stato dimostra di non essere in grado di assicurare una giusto controllo, la liberalizzazione delle droghe una volta dette leggere, sarebbe a questo punto la soluzione migliore per combattere lo spaccio ke sa creare solo altro crimine. (anke se ankora mi kiedo, ma poi lo spacciatore ke fine farebbe? eheheh circolo vizioso...)

mercoledì, febbraio 08, 2006 3:05:00 AM

 
Anonymous salvatore (ischia) said...

purtroppo lo Stato non permetterebbe mai la liberalizzazione delle drgohe leggere per due motivi: innanzitutto l'ignoranza. ad esempio molte gente ritiene che il danno recato da uno spinello sia maggiore del danno recato al fegato da un eccesso di alcool, il che è sbagliatissimo. il secondo motivo è che liberarizzare le droghe leggere vorrebbe dire smantellare dalle base le varie organizzazioni malavitose che fondano il loro impero proprio sul commercio di stupefacenti. e non credo che molti al governo sarebbero REALMENTE contenti di questo. che ne pensi giulio?

mercoledì, febbraio 08, 2006 10:16:00 AM

 
Anonymous Leo said...

Ciao Giulio,

Ti volevo fare innanzi tutto i miei complimenti, ci sono rimasto un po' male ieri sera quando ho visto le botte che hai prese :(
Io vivo in Italia da soltanto 6 anni e mi meraviglio veramente di quante cose scandalose ci siano ancora oggi in un paese come il nostro... e tu, nel tuo piccolo, fai in modo che tutto questo cambi... sei grande ! Questa mattina, stavo guardando una vecchia VHS con il servizio che avevi fatto in California... "do sta o governatore ? ... whyyyyyy ... pecchè... because... pecchè killed ? pecchè !" hahahahaha sei un mito ! Fai parte di quella gente che mi farebbe veramente piacere incontrare un giorno ! (insieme a Fabio volo). Ti volevo chiedere, hai mai pensato di scrivere un libro ?

Leo

mercoledì, febbraio 08, 2006 2:10:00 PM

 
Anonymous salvatore (ischia) said...

ah ovviamente giulio, mi ero dimenticato di dirti che sei fantastico! Credo moltissimo nel tuo lavoro e in quello delle iene in generale! Continuerò a seguire sempre i tuoi servizi!!

mercoledì, febbraio 08, 2006 3:59:00 PM

 
Blogger skugnizzo said...

non esiste il diritto a drogarsi mi dispiace Giulio che la pensi in questo modo ma questa legge non mette in carcere nessun consumatore ma soltanto gli spacciatori punendo con sanzioni amministrative i consumatori.
non esiste differenza fra droghe leggere e pesanti, sono tutte DROGHE!

giovedì, febbraio 09, 2006 12:07:00 PM

 
Anonymous salvatore (ischia) said...

scusa scugnizzo ma credo che tu non riesca a inquadrare il problema dal punto di vista politico. con questa legge un ragazzo che si fa una canna è trattato al pari di uno spacciatore di crack o di coca, dunque dall'opinione pubblica verranno condannati i ragazzi che si fanno spinelli e non gli spacciatori che sono dei veri è propri criminali. E' uno specchio per allodole: ingigantire il problema "canne" per distogliere l'attenzione dallo spaccio di droghe pesanti, il vero pericolo.
Il danno causato dalla marjuana e dall'hashish riguarda solo alcune cellule nervose che regolano la memoria breve, oltre al danno ai polmoni, che è come quello di una sigaretta (anzi, sotto certi aspetti meno nocivo, dato che non c'è la carta). Vuoi mettere col danno enorme causato dall'abuso di alccol al fegato? Non è una droga quella? Hai idea dei danni che causano gli ubriachi per le strade, o nei bar?
E se la vuoi mettere dal punto di vista morale: la prostituzione, le sigarette, sono più "pure"?

giovedì, febbraio 09, 2006 3:28:00 PM

 
Blogger il pasquino said...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

giovedì, febbraio 09, 2006 4:20:00 PM

 
Anonymous zissou said...

Ciao a tutti,
ho una domanda: perchè nessuno prende in considerazione che l'erba si pianta? Ci sono tantissimi consumatori che curano il proprio orticello e ad autunno fanno la loro vendemmia. Poi la stipano e se la fumano in santa pace. Non hanno contatti con spacciatori, non sono spacciatori, non alimentano il mercato mafioso. Com'è, da tre a sei anni di reclusione? Mi sembra davvero magnifico per dei coltivatori diretti....
E mi sembra davvero che sia tornato il Medio Evo.
buon lavoro a giulio

giovedì, febbraio 09, 2006 5:41:00 PM

 
Blogger skugnizzo said...

salvatore (ischia) scrive:
con questa legge un ragazzo che si fa una canna è trattato al pari di uno spacciatore di crack o di coca, dunque dall'opinione pubblica verranno condannati i ragazzi che si fanno spinelli e non gli spacciatori che sono dei veri è propri criminali

Non è vero salvatore, questa legge non tratta alla pari uno spacciatore ed un consumatore, leggiti meglio la legge è un consiglio.
Il consumatore sarà punito soltanto con sanzioni amministrative mentre LO SPACCIATORE ANDRA' IN GALERA

giovedì, febbraio 09, 2006 6:28:00 PM

 
Anonymous salvatore (ischia) said...

A skuglizzo,
hai ragione effettivamente non mi sono espresso correttamente, i provvedimenti adottati per spacciatori di droghe pesanti e per i fumatori di spinello non sono gli stessi. Ma questo non vuol dire che le altre mie affermazioni perdano di significato. Perchè condannare le droghe leggere e non condannare l'alcool o il fumo di sigaretta? Perchè le persone possono avere la libertà di uccidersi con un tumore al fegato, o ai polmoni, o magari in incidenti autostradali causa troppo alcool e non possono avere la libertà di fumarsi una canna?
L'effetto sull'organismo e sul comportamento varia dalle droghe leggere a quelle pesanti. L'assunzione di droghe pesanti porta a dipendenza psicosomatica, a danni spesso permanenti al cervello o ad altre parti del corpo. Le droghe leggere, assunte con ridotta frequenza, non portano nè danni nè dipendenza, se assunti con eccessiva frequenza portano a danni non necessariamente permanenti alla memoria breve e dipendenza psicologica (ma si può avere dipendenza psicologica anche dalle chat o dall'alcool). Il punto della questione è che se si legalizzassero le droghe leggere il mercato della mafia crollerebbe e le persone che si vogliono fare le canne continuerebbero a farsele, ma senza arricchire le tasche dei malavitosi.

giovedì, febbraio 09, 2006 6:45:00 PM

 
Anonymous salvatore (ischia) said...

E come negli anni venti in America all'epoca del proibizionismo. Inoltre hai mai pensato che se si legalizzassero le droghe leggere, attirerebbe di meno l'idea di farsi le canne? il proibito affascina, ma se diventasse legale sono sicuro che dopo due o tre anni di boom generale, farsi le canne perderebbe di attrattiva

giovedì, febbraio 09, 2006 6:48:00 PM

 
Blogger skugnizzo said...

si certo guarda la Svizzera o l'Olanda, nessuno si fuma canne infatti

giovedì, febbraio 09, 2006 6:55:00 PM

 
Anonymous salvatore (ischia) said...

Infatti sarebbe stupido se lo facesse solo l'Italia, dovrebbe essere tutta l'Unione Europea a prendere questo provvedimento.

giovedì, febbraio 09, 2006 7:19:00 PM

 
Blogger skugnizzo said...

se parli della Legge Fini siamo d'accordo, tutta l'Europa dovrebbe adottarlo.

giovedì, febbraio 09, 2006 7:22:00 PM

 
Anonymous salvatore (ischia) said...

no io intendevo che bisognerebbe legalizzare le droghe leggere in tutta l'Europa.

giovedì, febbraio 09, 2006 7:25:00 PM

 
Blogger skugnizzo said...

allora non ci troviamo

giovedì, febbraio 09, 2006 8:00:00 PM

 
Blogger salvo said...

sobo salvatore da ischia
mi spieghi perchè pensi cge sia sbagliato legalizzare le droghe leggere?

giovedì, febbraio 09, 2006 8:07:00 PM

 
Blogger skugnizzo said...

Se per gli antiproibizionisti la legalizzazione delle droghe consentirebbe l’eliminazione dei trafficanti di droga, non altrettanto ovviamente sostengono i loro oppositori. Giuseppe De Gennaro ex presidente dell’Unfdac nella prefazione al libro “La guerra della droga” afferma che anche se venisse tolta questa fonte di guadagno, le mafie sopravviverebbero comunque. Esse hanno ormai costituito delle organizzazioni perfettamente integrate con il resto della società. “Sbaglia chi crede che le mafie di tutto il mondo siano diventate più forti solo grazie al controllo di traffici di droga. Gli stupefacenti, ancora oggi, non sono la loro principale attività economico-criminale. I taglieggiamenti, il gioco d'azzardo, la prostituzione, il controllo degli appalti e altro incrementano i loro introiti. La droga è solo un business fungibile. Se scomparissero le droghe si estenderebbero le altre attività illecite. Non regge neppure l'idea che in caso di legalizzazione si instaurerebbe un regime di concorrenza con riduzione di guadagni. E' impensabile che imprese pulite decidano di mischiarsi in affari che rimarrebbero comunque sporchi" (Giuseppe Di Gennaro 1991, Introduzione). Secondo Di Gennaro poi il problema di quali droghe legalizzare è insormontabile in quanto anche se si legalizzassero quelle più in voga al momento, le industrie che operano per il crimine organizzato, impiegherebbero poco tempo a sintetizzare nuovi prodotti appetibili dal mercato nero. Il risultato sarebbe solo un lieve sbandamento dei loro affari e l’apparizione sul mercato di droghe sconosciute, il cui contenuto potrebbe essere ancor più pericoloso rispetto all’eroina o alla cocaina. A nulla valgono a quanto pare le tesi dei legalizzatori che sostengono l’impossibilità di questo fenomeno o quantomeno il suo scarso impatto dato che il consumatore di sostanze stupefacenti è un “afecionado” del suo prodotto (cfr. Di Gennaro,1991).

giovedì, febbraio 09, 2006 8:30:00 PM

 
Blogger skugnizzo said...

e poi guarda ai paesi che hanno legalizzato come stanno ridotti.... altro che scomparsi i drogati sono aumentati e con loro il disagio

giovedì, febbraio 09, 2006 8:31:00 PM

 
Blogger salvo said...

1) Non sono così stupido da credere che besterebbe legalizzare le droghe leggere per debellare la mafia. Purtroppo, come giustamente hai detto tutto, la mafia è ben radicata nella nostra società. La "mafia" è una mentalità, un modo di vivere il rapporto con la società e lo Stato. Molti storici ritengono che la mafia è nata nei primi anni del Regno d'Italia, come ribellione nei confronti di uno Stato di cui i neo italiani (specialmente al sud) non si sentivano parte. Ma la droga è stata ed è il maggior introito della mafia. Levarle questo guadagno significherebbe molto nella lotta contro la malavita.
2) Hai detto che se legalizzassimo alcune droghe la malavita ne sintetizzerebbe altre. Ma le droghe sintetiche create in laboratorio sono droghe pesanti, mentre io sto parlando delle droghe leggere, che sono naturali, non sono mai "vecchie" o "nuove".
3) Hai detto che è impensabile scegliere quali droghe legalizzare e quali no. Forse perchè non hai ancora afferrato la distinzione tra droghe leggere e droghe pesanti: le droghe leggere non danno dipendenza fisica e non creano danni al cervello, se usate con limitata frequenza.

giovedì, febbraio 09, 2006 8:50:00 PM

 
Blogger salvo said...

4) Perchè non considerare anche l'alcool una droga? E' da tutta la discussione che ripeto gli enormi danni che un eccesso di alcool crea al fegato, o a come le sigarette aumenti il rischio di tumore ai polmoni e via dicendo...
5) I paesi come Olanda e Svizzera hanno utilizzato la liberalizzazione delle droghe e altre libertà non concesse negli altri Stati (come il matrimonio gay) per divenire una sorta di "isole del bengodi". Hai idea di quanto guadagnano grazie al ruolo che hanno investito in Europa? Mentre se fosse tutta l'Europa a legalizzare la droga sarebbe diverso: sarebbe un movimento generale, piùregolarizzato.
6) E in ultimo: bisogna essere pratici.Chi vuole farsi una canna, come chi vuole ubriacarsi, o andare a puttane, o fumare, o giocare d'azzardo, lo fa comunque, con o senza legalità. La storia,maetra di vita, ce lo insegna. Quindi bisogna fare ciò che èmeglio per la società e ciò togliere dalle mani della malavita il commercio delle droghe leggere.

giovedì, febbraio 09, 2006 8:57:00 PM

 
Blogger skugnizzo said...

le droghe leggere creano più di una difficoltà al controllo motorio, ai movimenti complessi, all'abilità manuale. E c'è ancora qualcos'altro.E' un dato scientificamente certo: chi comincia presto ad assumere droghe leggere, ne rimane agganciato, può diventare un fumatore abituale, da più volte al giorno.

giovedì, febbraio 09, 2006 11:25:00 PM

 
Blogger salvo said...

Le difficoltà che le droghe leggere creano alla capacità di coordinazione motoria sono momentaneee non permanenti e i ragazzini cominciano a fumare erba già alle medie anche ora che è illegale e la storia non cambierebbe se fosse legale. E ovvio che non è sanissimo fumarsi una canna, ma non lo è nenche ubriacarsi o fumare le sigarette. Non voglio sostenere che le canne siano salutari o che non arrechino alcun danno al corpo umano, ma com ela legge concede altri vizi ben più dannosi delle canne, perchè non può concedere anche questo?

venerdì, febbraio 10, 2006 1:48:00 AM

 
Blogger salvo said...

non ho capito che intendi

venerdì, febbraio 10, 2006 11:30:00 AM

 
Blogger skugnizzo said...

una cosa alla volta... da qualcosa si deve pur cominciare....

venerdì, febbraio 10, 2006 11:30:00 AM

 
Anonymous Anonimo said...

SKUGNIZZO ACCIRITI

venerdì, febbraio 10, 2006 12:22:00 PM

 
Blogger skugnizzo said...

anonimo hai detto tutto col tuo "anonimo" non hai nemmeno il coraggio di firmarti, vergognati

venerdì, febbraio 10, 2006 12:41:00 PM

 
Blogger il pasquino said...

grazie per il consiglio , ma non riesco a stare dietro al blog immagina se riesco a scrivere un libro

venerdì, febbraio 10, 2006 5:02:00 PM

 
Blogger il pasquino said...

skugnizzo:sulla droga parlavo della legge Fini

venerdì, febbraio 10, 2006 5:04:00 PM

 
Anonymous Leo said...

Peccato... era solo una curiosità... immagino tu sia molto impegnato :\
Buon proseguimento ! :)
Ciao !

Leo

venerdì, febbraio 10, 2006 5:23:00 PM

 
Blogger salvo said...

Giulio tu cosa pensi riguardo alla legalizzazione delle droghe leggere? Sei pro o contro? Qual è la tua opinione?

venerdì, febbraio 10, 2006 6:09:00 PM

 
Blogger skugnizzo said...

Giulo non ho capito cosa intendi...
l'avevo capito che il post era dedicato alla legge Fini... non si capiva dai miei commenti?

venerdì, febbraio 10, 2006 6:31:00 PM

 
Blogger il pasquino said...

diciamo pro' ,anche per l'enorme arricchimento della mala,contro perche' con la legalizzazione delle doghe leggere,alla fine si arricchirebbe lo stato


comunque piu'pro

venerdì, febbraio 10, 2006 7:50:00 PM

 
Anonymous Anonimo said...

vabbè, dipende a quale giudizio uno ci si affida:
a quello del mondo scientifico e di chi studia queste cose sugli altri oppure a quello di chi ha vissuto certe esperienze sulla propria pelle come ad esempio il vicepremier fini o il presidente della camera casini.

venerdì, febbraio 10, 2006 9:53:00 PM

 
Anonymous Anthony da Ischia said...

Mi sono molto informato su gli eventuali danni che potrebbe provocare l'uso della CANNABIS SATIVA...e posso tranquillamente affermare che è molto più pericoloso fumare tabacco o bere alcolici!! A questo punto anche se non ho mai fumato nulla mi vado a fare una canna in compagnia dei miei amici più cari alla faccia del governo Berlusconi!!!

venerdì, febbraio 10, 2006 10:16:00 PM

 
Anonymous Carletto dalla Svizzera said...

Ciao a tutti
vorrei esprimere il mio giudizio su questo dibattito.
Il proibizionismo non è MAI servito a niente. Si è visto negli stati uniti, quanto c'era il proibizionismo dell'alcool, infatti lì si che la Mafia si è riempita le tasche e la gente continuava a bere, anche se illegalmente. Se veramente si vuole diminuire il numero di gente che usa la Maria, l'Hashish o altre droghe, allora si deve iniziare con l'educazione! Solo avendo un'educazione corretta si può preveniere che un ragazzino usi droga. Altrimenti si può proibire, si può condannare la gente a 50 anni di carcere, ma sempre ci sarà chi entra nel vizio dello spinello o della siringa ecc. Per ciò, nun ve scurdat', se non volete che i vostri figli usino droga, spiegatgli che cosa è la droga, prima che glielo spiega qualche spacciatore.
Io personalmente ogni tanto una canna me la fumo e anche se sarà proibito me la fumerò anche in futuro. Non si può paragonare una canna con una iniezione di eroina, sarebbe la stessa cosa come paragonare una sberla a una fucilata. Dalla mia esperienza personale, qualche anno fà mi fumavo come minimo una canna al giorno, oggi come oggi me ne fumo una ogni tre mesi, cioè solamente quando la situazione è favorevole e l'atmosfera propizia. Se mi sarei fatto una pera al giorno, a questo punto della mia vita sarei morto o quasi.......... Pensateci.......

sabato, febbraio 11, 2006 3:48:00 AM

 
Anonymous Anonimo said...

scusate ma avete mai pensato che la legalizzazione della cannabis e altre droghe leggere oltre ad arricchire lo stato sarebbe un'altra causa di incidenti stradali superiore a quelli causati dall'alcool?
Per me ognuno è libero di fare quello che vuole, ma se mio fratello, figlio... ecc venisse coinvolto in un incidente per un motivo del genere mi girerebbero un pò le palle no?
E non rispondete che è vietata la guida sotto effetto di stupefacenti, lo è anche dopo l'assunzione di molto alcool eppure una sensibile diminuizione degli incidenti si è avuta solo e lo dobbiamo riconoscere, con il divieto di somministrazione per gli alcolici oltre un certo orario e l'applicazione di forti sanzioni, perchè dovremmo crearci un'altro problema a cui dover trovare necessariamente rimedio? pENSO CHE QUESTO SAREBBE TORNARE AL MEDIOEVO.
cmq sono un ragazzo giovane che sa di cosa parla, mi dovreste capire...

mercoledì, febbraio 22, 2006 12:12:00 PM

 
Anonymous enrico ischia said...

allora proibiamo anche le sigarette e i telefonini,entrambi causa di numerosi incidenti stradali

mercoledì, febbraio 22, 2006 3:20:00 PM

 
Anonymous carletto said...

ma non l'avete capito che proibire non aiuta. Una persona irresponsabile guida anche se sono proibiti i spinelli dopo aver fumato, non fa differenza se la maria è proibita o no. L'unica differenza è chi si arricchisce. O lo stato o la malavita, e ognuno che sceglie l'arricchimento della malavita non ha capito un c....
datemi una buona ragione perché non far "guadagnare" lo stato ma la malavita? Se la trovate "chapeau".

Nella meglio situazione le tasse sulla maria si potrebbero riinvestire in tante buone cose, nella peggior situazione si arricchisce qualche singolo, cosa che non credo sia più possibile, come lo sarebbe stato qualche anno fà.

Perciò legalize it

domenica, febbraio 26, 2006 3:46:00 AM

 
Anonymous marghy said...

addirittura in alcune zone del mio paese la polizia sembra quasi coprire le "basi".....
legalize it!

mercoledì, marzo 01, 2006 1:15:00 AM

 
Anonymous Anonimo said...

23 spinelli ma quanto si può essere meno precisi.

Gli spinelli sono una cazzata e fanno male ma queste cazzate fanno ridere.

ArAndA

mercoledì, marzo 22, 2006 6:07:00 PM

 
Anonymous carletto said...

eh si, i spinelli, fanno "ridere" ;O)

venerdì, marzo 31, 2006 1:01:00 PM

 
Anonymous chinaski said...

skugnizzo svegliati,

questa legge farà incassare soldi allo Stato attraverso i consumatori, mentre gli spacciatori... tutto uguale!

tu dici che il diritto alla droga (parlo di canne e basta? non va riconosciuto?

benissimo: chiudi tutti i bar del mondo cocco, e anche i tabaccai, oppure apri gli occhi e realizza che è solo un fatto culturale

chinaski

domenica, giugno 04, 2006 4:03:00 AM

 

Posta un commento

<< Home